L'area camper di Brisighella (Ravenna)


Se vi trovate a passare per Brisighella (Ravenna) e cercate un punto sosta camper tranquillo e attrezzato, l'area camper di Brisighella potrà fare al caso vostro.

Parcheggio asfaltato e sosta su prato, a poca distanza dal centro storico e dalle Terme, attrezzata per il carico e lo scarico, illuminata, dotata di   erogatori di elettricità a moneta  e, a detta di chi l'ha visitata (ciao Sonia)  pulita e comoda.

L'area si trova in Piazza Donatori del Sangue (vicino alle terme), coordinate GPS  44° 13' 18.16" - E 11° 46' 43.43".



Un'ottima soluzione per un weekend rilassante alle terme e un itinerario culturale tra le bellezze del posto, Brisighella si trova a meno di 50 km da Ravenna e a soli 13 km da Faenza, altre città nel raggio di una manciata di km sono Imola, Forlì e Cesena.



Il borgo medievale di Brisighella

Il parco delle Rimembranze,  all'ingresso della città, accoglie i visitatori permettendo di ammirare la grande fontana della palla e l'opera scultorea de Il fante che Dorme;  la natura rigogliosa del posto e i calanchi di origine calcarea costituiscono uno scenario ricorrente per il borgo medievale di Brisighella che offre diversi itinerari ai suoi visitatori, dalla passeggiata per le vie tortuose del centro storico che conducono al Comune  alla visita  alla Torre dell'Orologio, ovvero quello che resta della torre d'avvistamento delle mura di cinta costruite nel 1300 circa e che oggi ospita il Museo del Tempo, un'esposizione insolita sul concetto del tempo e della sua interpretazione da approcci filosofici e religiosi diversi.


Con  la Via degli Asini è possibile intraprendere un percorso sopraelevato, coperto, che prende luce da mezzi archi di diversa ampiezza e ripercorrere così il pasaggio difensivo che protesse gli abitanti di Brisighella dai pericoli del passato sfruttando la natura gessosa del territorio. Lungo il percorso si possono vedere le stalle degli asini, da cui la strada prende nome, e le abitazioni dei ricocciai, ovvero i lavoratori della cava di gesso.




Impronta rimasta dalla dominazione dei Signori di Faenza è la Rocca, situatta nel secondo colle della città, del complesso spiccano il torricino e il torrione veneziano.
Sul terzo colle di Brisighella si trova il Santuario del Monticino, risalente al 18 secolo, il panorama che si gode da questo punto è spettacolare e imperdibile per gli amanti della fotografia, inoltre l'interno merita una visita per ammirare gli affreschi del pittore fantino Savino Lega.
Altri edifici religiosi degni di nota sono la Chiesa Collegiata, la Chiesa dell'Osservanza (con bellissimi stucchi seicenteschi) e la Pieve di San Giovanni in Ottavo, conosciuta come Pieve del Tho.
Inoltre nel museo civico Giuseppe Ugonia sono visibili le opere del litografo da cui il museo prende nome, tele del Guercino e di Nicolò Paganelli, una collezione di ceramiche del 700 provenienti da Faenza oltre ad altri manufatti locali.

Infine gli amanti della speleologia troveranno ad attenderli la Grotta della Tanaccia, un percorso sotterraneo di circa 800 metri che offre scenografie sempre diverse, gallerie, cammini, passaggi e meandri per osservare stalattiti, stalagmiti e i tipici pendenti di gesso.

Le terme
Si trovano in Via delle Terme 12, tel 0546-81068, nei pressi dell'area camper.

Le acque minerali sulfuree e salsobramoiodiche sono particolarmente indicate per apportare benefici che riguardano:

  • Apparato Locomotore
  • Apparato Respiratorio
  • Circolazione e Sangue
  • Dermatologiche
  • Apparato Urinario
  • Apparato Digerente
  • Apparato Genitale Femminile


Occasioni di festa a Brisighella
D'estate sono imperdibili le feste medievali, rappresentazione tra il sacro e il profano che fanno rivivere la cultura e le credenze del medioevo.

Attrazioni di Brisighella
stampa la pagina

Commenti

Posta un commento